Uncategorized

Il Chilogrammo è dimagrito!

In effetti, dopo tantissimi anni, lì fermo a segnare a tutto il mondo il valore dell’unità di massa, il chilogrammo … non vale più come prima. Nel senso che la sua massa non è più 1,000000… kg, ma solo 0,9999998 kg. O qualcosa di simile. Allora, per una singola misura non importa, ma una piccola differenza ripetuta milioni o miliardi di volte, alla fine vale tanto. Quindi, da oggi il chilogrammo raggiunge la meritata pensione. E, come le altre unità fondamentali del Sistema Internazionale, viene sostituito da una definizione basata sulla costanti universali. Stabili e facilmente riproducibili (per modo di dire).

Ecco la notizia:

http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/fisica_matematica/2019/05/20/da-oggi-addio-alle-vecchie-unita-di-misura-_e1fbf56d-bddf-482d-93ff-eddb9eefa713.html

E per chi vuole approfondire:

https://www.inrim.it/ricerca-sviluppo/le-unita-di-misura

https://www.bipm.org/en/measurement-units/

Annunci
Uncategorized

Storia di Scienza e di Liberazione

Oggi vorrei utilizzare questo spazio per festeggiare il 25 Aprile, unendo scienza, letteratura e liberazione. Con una piccola storia; una storia come altre nel periodo della guerra; una storia come nessun’altra nel periodo della guerra. La storia di Ettore Pancini, fisico, componente del gruppo coinvolto nel famoso esperimento CPP. Dal sito dell’Enciclopedia Treccani.

PANCINI, Ettore

Stanghella (PD), 10 agosto 1915 – Napoli, 1 settembre 1981

Durante gli anni di Padova, Pancini conobbe Elda Rupil, che sposò nel 1941 e dalla quale ebbe quattro figli, Barbara, Alessandra, Giulio e Alice. Risale al periodo patavino anche l’incontro con Eugenio Curiel della sezione clandestina veneziana del Partito comunista italiano, figura influente sullo sviluppo del suo pensiero politico.

Si laureò nel 1938, avendo come relatore Rossi, poche settimane dopo che questi aveva dovuto lasciare l’istituto di Padova a causa delle leggi razziali. Nominato assistente straordinario, a causa dell’allontanamento di Rossi non poté continuare la ricerca scientifica ad alto livello.

Ispirato dalla comprensione delle forze elettromagnetiche come dovute all’esistenza e alle proprietà del fotone, Hideki Yukawa aveva formulato nel 1935 una teoria delle forze nucleari agenti tra i nucleoni (protoni e neutroni), descrivendo anch’esse come l’effetto di un’ipotetica particella. Secondo la teoria di Yukawa, tale particella doveva avere una massa intermedia tra quella dell’elettrone e quella del protone e fu pertanto detta ‘mesotrone’. Una particella con questa massa fu scoperta nel 1937 da Seth Neddermeyer e Carl Anderson. Le ricerche di Pancini sulla sua vita media si collocavano nel contesto della determinazione sperimentale delle sue proprietà.

Pancini fu chiamato alle armi nel febbraio 1941 come sottotenente dell’artiglieria contraerea, spostandosi tra varie sedi sul territorio italiano. Solo durante l’inverno 1942-43 ebbe un breve periodo di licenza, ottenuto grazie a Lo Surdo, durante il quale lavorò ad alta quota sul Plateau Rosa insieme a Bernardini, Nestore Cacciapuoti e Oreste Piccioni per effetturare ricerche sui raggi cosmici.

Ferito durante il bombardamento alleato di Roma del 19 luglio 1943, si recò in licenza a Venezia, dove lo raggiunse la notizia della firma dell’armistizio di Cassibile. Trovandosi nella parte d’Italia ancora sotto il regime fascista, decise di unirsi alla resistenza partigiana. Con il nome di battaglia di Achille fu il comandante dei Gruppi di azione partigiana di Venezia. Nel 1944 divenne comandante della zona militare di Venezia, organizzando numerosi assalti contro le truppe naziste e fasciste. Arrestato dai tedeschi nell’aprile 1945, dopo tre settimane riuscì a evadere e riprese il ruolo di comandante.

Alla fine della guerra, sciolse i corpi militari partigiani alle sue dipendenze e ritornò a Roma per continuare l’attività di ricerca scientifica, seppure in grandissime ristrettezze economiche. Le ricerche poterono riprendere grazie al recupero di componenti strumentali presso i campi dell’ARAR (Azienda rilievo e alienazione residuati).

Unendosi a Marcello Conversi e a Piccioni, Pancini contribuì alle fasi finali di quelle ricerche sperimentali che la storiografia, riprendendo il suggerimento di Luis Alvarez nella sua Nobel Lecture (Recent developments in particle physics, in Les Prix Nobel of 1968, Stoccolma 1969), indica come l’inizio della fisica delle alte energie.

Parallela alla sua attività scientifica si svolse la sua vita politica come membro del Partito comunista italiano, di cui fece parte tra l’altro del Comitato centrale. L’impegno politico nel Partito comunista continuò fino alla seconda metà degli anni Cinquanta quando, in seguito alle critiche di Khruščëv al regime stalinista, se ne allontanò. Nel 1969, poi, lo lasciò definitivamente per passare con il gruppo del Manifesto. Partecipò alle elezioni politiche del 1979 e alle elezioni regionali del 1980 come candidato di Democrazia Proletaria.

Uncategorized

Il Buco Nero

Dalle prime pagine di Dal Big Bang ai buchi neri, di Stephen Hawking.

“Un famoso scienziato tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti attorno al Sole e di come il Sole, a sua volta, compia un’ampia rivoluzione attorno al centro di un immenso aggregato di stelle noto come la nostra galassia. Al termine della conferenza una, una piccola vecchia signora in fondo alla sala si alzò in piedi e disse. “Quel che lei ci racconta sono tutte frottole. Il mondo, in realtà, è un disco piatto che poggia sul dorso di una gigantesca tartaruga”. […] Lo scienziato replicò: “E su cosa poggia la tartaruga?” “Lei è molto intelligente, giovanotto, davvero molto. Ma ogni tartaruga poggia su un’altra tartaruga!”

Al di la dei simpatici terrapiattisti, la foto dimostra, una volta di più, come l’unica via per progredire sia la comprensione dell’universo attraverso lo studio. In un momento in cui la competenza sembra un limite e non, come dovrebbe essere, il punto di partenza di ognuno, in particolare di chi si occupa della cosa pubblica, la foto ha un valore immenso.

Esattamente cento (100!) anni dopo la prima conferma della teoria della relatività (Sir Arthur Eddington, 1919, eclissi di sole) un’altra prova della capacità visionaria di Albert Einstein.

Evviva la Fisica. Evviva la competenza e lo studio.

Uncategorized

Quando si dicono le coincidenze …

Oggi, 14 marzo, i numeri la fanno da padrone. Pura coincidenza, niente a che vedere con l’inconsistente numerologia, ma divertiamoci un po’. Parafrasando Sheldon Cooper “Fun with numbers”.

14/3 scritto secondo le abitudine anglofone: 3/14 ovvero 3,14 ovvero Pi-Greco. Oggi è il Pi-Greco Day

14/3: purtroppo muore Stephen Hawking, (che era nato esattamente 300 anni dopo Galileo!)

14/3: Buon Compleanno Einstein. Nel 1879 nella cittadina di Ulm nacque Albert Einstein

Buona Lettura
divulgazione · relatività · romanzo scientifico · Uncategorized

L’estate in cui caddero le stelle

 

 

TITOLO: L’estate in cui caddero le stelle

AUTORE: Cristina Brambilla

ILLUSTRAZIONI:

CASA EDITRICE: Mondadori

GENERE: romanzo scientifico

Anno e Luogo di pubblicazione: 2013, Milano

Età: dai 12 anni

estate in cui caddero le stelle

E’ un’estate afosa e lunghissima. Sognando una fiammante Roma sport che non avrà mai, Patrizia sfreccia per le strade di periferia a bordo dell’odiata Graziella, leggera e maneggevole come l’uranio in fusione. Con lei c’è sempre Silvia, la sua migliore amica, che esprime il suo genio creando vestiti, mentre Patrizia coltiva una passione per la scienza e la matematica. Ma l’università è per i maschi e questa fortuna toccherò a suo fratello, che sembra avere più brufoli che neuroni. La vita di Patrizia, però, è destinata a cambiare: un giorno la cassetta degli attrezzi che utilizza per modificare la bicicletta sparisce e sua madre, inviperita, minaccia di punirla se non la ritroverà. I sospetti cadono sul Mostro, un sinistro individuo che abita nel loro palazzo e ha il volto sfigurato. Patrizia, superata l’iniziale diffidenza, scoprirà un mondo pieno di misteri e troverà in lui un amico prezioso, che l’aiuterà ad inseguire un sogno lontano: diventare una scienziata.